Cerca
  • Francesco D'Antuono

REGIONE ABRUZZO: Contributi Fino a 5.000,00 €per Imprese e Lavoratori Autonomi in regime forfettario

La Regione Abruzzo, al fine di rilanciare l'economia Regionale, ha predisposto l'erogazione di un contributo, nei limiti delle risorse disponibili (6.000.000,00 di €), consistente in un rimborso fino al limite di 5.000,00 euro e nella misura del 40% della spesa sostenuta al netto dell'IVA per gli investimenti effettuati da micro e piccole imprese e lavoratori autonomi in regime forfettario.


Beneficiari

  1. Micro e Piccole Imprese;

  2. lavoratori autonomi in regime forfettario ai sensi della legge 27 dicembre 2019, n.160 “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale 2020 - 2022”;

I Beneficiari devono essere costituiti da almeno 3 anni e operare da almeno 3 anni nella Regione Abruzzo

Forma del contributo e importo massimo

Il contributo consiste in una sovvenzione diretta, a fondo perduto, concessa a titolo di rimborso delle spese di investimento, nella misura del 40% delle spese sostenute e fino ad un massimo di € 5.000,00 (cinquemila/00) al netto dell’IVA.

Spese ammissibili

  1. Le spese ammissibili sono quelle effettuate dalla data del 1 gennaio 2020 e fino alla data di scadenza dell'avviso, così come risultanti dalle date della/e fattura/e;

  2. Sono ammissibili le spese per l’acquisto di macchinari, attrezzature, mezzi di trasporto, arredi, strumenti, sistemi (dispositivi, hardware, software e applicativi digitali e la strumentazione accessoria al loro funzionamento) e di altri beni destinati ad essere utilizzati per un periodo di tempo superiore ai 3 anni, classificabili tra le immobilizzazioni materiali di cui all’articolo 2424 cc, Voci BII2, BII3, BII4; i mezzi di trasporto di cui sopra sono da intendersi quali autoveicoli ad usostrumentale all’attività, anche non esclusivo così come disciplinato della normativa fiscale. In quest’ultimo caso il contributo può essere riconosciuto sul valore fiscalmente ammortizzabile, comunque al netto dell’IVA.

  3. I beni acquistati devono essere iscrivibili nel libro cespiti anche nel caso di beneficiari non obbligati alla tenuta di detto libro.

  4. I beneficiari finali hanno l’obbligo di non cedere l’investimento oggetto di contributo nonché trasferire l’unità produttiva localizzata in Abruzzo, per i tre anni successivi all’erogazione del contributo.

Sono in ogni caso esclusi:

  1.  le spese per l’acquisto di beni materiali, beni immateriali di proprietà di amministratori o soci dell’impresa richiedente l’contributo o, nel caso di soci persone fisiche, dei relativi coniugi e parenti entro il secondo grado;

  2. gli investimenti realizzati tramite locazione finanziaria e acquisto con patto di riservato dominio a norma dell’art. 1523 del Codice Civile;

  3. i lavori in economia;

  4. i beni acquistati a fini dimostrativi;

  5. le spese relative ad un bene rispetto al quale il beneficiario finale abbia già fruito, per le stesse spese, di una misura di sostegno finanziario nazionale o comunitario;

  6. beni acquistati con contributi in natura;


Documentazione a corredo della domanda

  1. copia del documento di identità del rappresentante legale/ditta individuale/lavoratore autonomo nel caso in cui la domanda sia sottoscritta con firma autografa; non occorre allegare copia del documento di identità se la domanda è firmata digitalmente;

  2. fatture elettroniche con esplicita descrizione del bene acquistato;

  3. giustificativi di pagamento dai quali si evinca l'importo ed il nominativo del percipiente, se già disponibili.


CONTATTACI PER PARTECIPARE AL BANDO


1,054 visualizzazioni

Sviluppo Impresa Consulting A.T.P.

di D'Antuono e Giannandrea

Via Mazara, n, 13,

67039 Sulmona (AQ)

P. IVA 01939540660

tel. 0864.950710

fax. 0864.950710

mail: info.sviluppoimpresaconsulting@gmail.com

Avv. Francesco D'Antuono       cell. 347.8206045

Dott. Valerio Giannandrea        cell. 347.5347040